don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 18 Aprile 2022

88

- Pubblicità -

«Là mi vedranno».

Nel giorno in cui ci ritroviamo con gli amici per fare la pasquetta, il Vangelo ci presenta il Risorto che va incontro alle sue amiche con queste parole: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

Mi piace ricordare che questa settimana è detta “in albis” perché le persone battezzate la notte di Pasqua camminavano per le strade con l’alba, cioè il camice bianco ricevuto durante il Battesimo. Allora, giocando un po’ con le parole, se vogliamo essere fedeli all’invito di Gesù, siamo chiamati a portare l’alba nella vita di chi è nelle tenebre.

C’è sempre un istante nella notte in cui rinasce il giorno. “Là mi vedranno”, dice Gesù, dove siamo capaci di portare la sua luce del Risorto. Se questa testimonianza di gioia diventa difficile o il buio tenta il nostro cuore allora “non temete”, parola che ritorna nella Bibbia, 365 volte: ogni giorno il Signore è la nostra forza.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 18 Aprile 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 18 Aprile 2022