don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 17 Maggio 2022

101

- Pubblicità -

«Vi lascio la pace, vi do la mia pace».

La pace che Gesù ci offre è diversa da quella che il mondo cerca invano di costruire. Non è una pace frutto del compromesso né una pace in preparazione della guerra. Quella che Gesù offre è la pace che nasce dell’unione con Dio, dall’unità del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Una tale pace, scaturita dal perdono dei peccati e nutrita dall’amore, è il dono più grande da chiedere a Dio.

Prima di cercare gli equilibri internazionali, dovremmo impegnarci a mantenere il nostro equilibrio interiore sull’esempio del rapporto fra il Padre e il Figlio: «Bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre, e come il Padre mi ha comandato, così io agisco». La pace nasce dal rispettare e mettere in pratica il comandamento nuovo di amare il prossimo come se stessi. Questo mondo cambierà nella misura in cui saremo disposti ad amare, non solo a parole ma concretamente.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 17 Maggio 2022
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 17 Maggio 2022