don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2022

112

- Pubblicità -

«Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama».

Amore oggi è una parola talmente abusata che tutto è diventato amore e tutto è concesso in amore. Eppure, subito dopo la proposta di Gesù – se uno mi ama – arriva la modalità per declinare questo amore: i comandamenti. Se leghiamo i comandamenti al bisogno di Gesù di stare con noi, di donarci il suo amore e di insegnarci l’amore, allora il decalogo perde ogni aspetto giuridico di regola o di precetto.

Tutto diventa consequenziale: se mi ami non amerai altri, ti ricorderai sempre di me, non ucciderai il mio amore per te, mi rispetterai, non ruberai, non mi mentirai, non desiderai altri o altro. Ma ditemi: non è una bellissima dichiarazione d’amore? Io sono tuo e tu sei mio. Chi di noi non vorrebbe essere amato così?

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2022
Articolo successivodon Alfonso Giorgio – Commento al Vangelo di domenica 22 Maggio 2022