don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2022

90

- Pubblicità -

«Chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore».

Posto che la nostra vita è un dono, servire l’altro significa essere fedeli a ciò che siamo ovvero dare ciò che si è. Le parole del Vangelo di oggi non sono rivolte solo ai credenti o ai praticanti, ma a tutti, soprattutto ai potenti, a chi ha autorità, perché il potere è vero potere solo è al servizio del bene comune. Essere servo, essere schiavo, è molto difficile per noi.

Parliamoci chiaro, esula proprio dal nostro modo di pensare. Gesù ci mette in guardia dalla discrepanza tra dire e fare, tra insegnamento e testimonianza. Scribi e farisei non fanno quello che dicono, curano più l’apparire che l’essere, amano essere onorati. Al contrario, nella comunità cristiana la vera grandezza consiste nell’essere piccolo e la vera gloria nel servire in umiltà.

Per fare questo non servono titoli né attestati di riconoscenza. Solo Dio saprà ricompensarci per tutto quello che abbiamo fatto ad uno solo dei nostri fratelli più poveri.

Buon cammino quaresimale, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2022