don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 13 Maggio 2022

34

- Pubblicità -

«Non sia turbato il vostro cuore».

Non è mai facile rasserenare una persona che soffre o che vive un momento di difficoltà. Le parole diventano vuote quando sono di circostanza e, anche quando sono dettate da buone intenzioni, in alcune situazioni possono risultare inutili. Gesù oggi prova a consolare il nostro cuore con la promessa di un posto insieme con Lui, dove non esiste dolore ma solo amore allo stato puro.

Sapere che niente è stato inutile e tutto riacquista un senso aiuta a non avere il cuore turbato dalla fatica di vivere. Per avere la consapevolezza intima di questa promessa e sperimentarne la serenità che ne deriva, ci viene chiesto da Gesù una sola cosa: fidarci. Dobbiamo avere fede in Dio e l’evangelista aggiunge subito la richiesta di avere fede anche in Gesù.

Non si tratta di due realtà diverse ma dell’invito ad avere fede nel Dio di Gesù, in quel Padre che, attraverso il dono del Figlio, ci ha offerto la speranza senza fine, l’amore che vince l’odio, la vita che trionfa sulla morte. La via che dobbiamo seguire per conoscere tutto questo è Gesù stesso. Per questo dobbiamo fidarci di Lui e affidarci a Lui quando il cammino si fa difficile.

Avere fede vuol dire, allora, non lasciarsi spaesare dalla vita ma sapere sempre qual è il nostro posto: nel cuore di Dio.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 13 Maggio 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 13 Maggio 2022