don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022

66

- Pubblicità -

«Dove vuoi che prepariamo per te?»

In questi giorni santi chiediamo al Signore nella preghiera dove vuole stare insieme con noi, in quale luogo della nostra storia o del nostro cuore vuole vivere la sua pasqua. Non dobbiamo aver timore di presentare a Gesù quelle parti di noi delle quali ci vergogniamo. Egli stesso mangerà insieme con Giuda pur sapendo che da lì a poco lo avrebbe tradito.

Gesù ci ama pur conoscendo fin dall’inizio i nostri sbagli, i nostri tradimenti. Continua anche a chiamarci amici, così come fa con Giuda e, anche quando questi gli domanda “Rabbì, sono forse io?”, Gesù non gli punta il dito contro ma risponde, così come dirà a Pilato ed al Sommo Sacerdote, “Tu lo hai detto”, a sottolineare che non è Lui a giudicare l’operato dell’uomo ma è l’uomo che si giudica da solo attraverso le sue opere.

Che ognuno trovi la forza ed il coraggio di ammettere i suoi tradimenti senza scappar


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022