don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2021

53

«Prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Il tempo di Gesù è servito per darci un esempio concreto dell’amore del Padre per noi, ora arriva il tempo dello Spirito che, da un lato, ci conduce alla verità tutta intera di questo amore, dall’altro ci aiuta a viverlo pienamente. Lo Spirito è una specie di amplificatore, infatti non parla da se stesso ma annuncia tutto quello che vive all’interno della Trinità aiutandoci, così, ad entrare un poco alla volta in questo grande mistero di Amore.

Lasciamoci prendere per mano dallo Spirito; Egli ci condurrà alla verità di Dio e di noi stessi. Invochiamo lo Spirito quando il dubbio ci assale o quando la testimonianza della nostra fede si fa difficile. Ci dimentichiamo troppo spesso di pregare lo Spirito eppure senza di Lui nulla avrebbe senso così come nulla ha un senso quando manca l’Amore.

Buon cammino, insieme al Risorto!


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedenteSuor Marina e suor Ginetta – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 11 Maggio 2021