don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 11 Settembre 2021

76

«Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto».

Da cosa si vede che siamo cristiani? Una risposta sbrigativa a questa domanda potrebbe riguardare la frequenza alla Messa o l’essere impegnati in parrocchia; tuttavia il Signore non si accontenta di opinioni superficiali e ci chiede di andare al cuore della questione. Non possiamo ingannarci perché se l’albero della nostra fede non porta nessun frutto, nessuna consolazione, nessuna decisione, non serve a nulla.

La fede deve incidere, talvolta anche dolorosamente, nelle cose che facciamo e diciamo, soprattutto nelle nostre scelte. «Sono le scelte che facciamo che dimostrano quel che siamo veramente molto più delle nostre capacità», diceva il vecchio Silente quasi parafrasando il criterio che Gesù adotta nel Vangelo di oggi per distinguere l’albero buono da quello cattivo.

La separazione è netta e non contempla mezze misure o camuffamenti perché sono i frutti, le scelte, a dimostrare se si è veramente cristiani o no. Impegniamoci, allora, a costruire la nostra fede sulla roccia della Parola perché è l’unica che ci può illuminare, orientare, che può cambiare le nostre scelte, renderle autentiche.

Per quanto questo possa costarci fatica, è l’unico modo per non soccombere alle piene che ci travolgono e di imparare di cosa siamo veramente capaci se Cristo è la nostra forza.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 11 Settembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 11 Settembre 2021