don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 10 Agosto 2020

127

«Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto».

La vita insegna che ad un certo punto bisogna lasciare. Il cordone ombelicale; la mano di papà se vuoi camminare; il salvagente per prendere il largo; le rotelle per trovare l’equilibrio, la casa per costruire il tuo futuro.

Ogni genitore, ogni educatore, sa che arrivato ad un certo punto, deve scomparire. Per far crescere davvero, deve lasciare andare. D’altronde, se il seme non muore nel buio della terra, la pianta non può crescere alla luce del sole.

Se invece il seme decidesse di non lasciarsi andare alla terra, morirebbe da solo senza aver dato il meglio di sé. Amare non vuol dire trattenere ma liberare; quanto più saremo capaci di morire a noi stessi, tanto più potremmo dirci liberi. Gesù, “caduto sulla terra”, è morto per amore nostro, insegnandoci, inchiodato su una croce, cosa vuol dire essere davvero liberi.

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio su Facebook