don Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 4 Settembre 2020

92

“I discepoli di Giovanni digiunano spesso e fanno orazioni… I tuoi invece mangiano e bevono”.
Sorprende come la cattiveria della gente sappia solo vedere le cose storte… Per poi stare lì a sblaterarle in faccia o stare a spettegolare dietro…

Non penso proprio che i discepoli di Gesù non abbiano mai fatto un momento di Preghiera insieme con il maestro, anzi glielo chiedono proprio di insegnare anche a loro a pregare, festeggiano insieme la Pasqua, stanno insieme con Lui in alcuni momenti forti in cui Gesù va a pregare… Quindi sarebbe assurdo pensare a quanto la gente dice.

Ma Gesù non risponde rimproverando queste persone di essere dei pettegoli, o calunniatori, o altro, ma usa anche di questa vicenda per evangelizzare, per parlare loro del regno, della presenza dello sposo, della bellezza della comunione… Cose tutte che mancano a loro per primi, perché chi sta lì a giudicare prima di tutto non é capace di amare, non é in grado di sapere guardare le cose belle negli altri, di andare oltre le apparenze… Nella sua risposta Gesù non difende soltanto i suoi discepoli, ma aiuta i pettegoli a guardare oltre, oltre quello che non riescono a vedere o ad affrontare di sé stessi.


A cura di don Francesco Paglia

Coordinatore del Centro diocesano vocazioni della Diocesi di Frosinone