don Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 28 Maggio 2020

207

“perché siano una cosa sola”

Il motivo principale della preghiera sacerdotale di Gesù é stato anche sicuramente il pensiero di tutto la sua missione… Prego per loro, prego per quello che crederanno per la loro parola, ma prego perché siano una cosa sola. Prego che si amino, di quell’amore che c’è tra il Padre e il Figlio, e come loro sono un solo Dio tanto da amarsi in maniera così forte, prega Gesù che chi lo ascolta, chi lo ama, possa vivere di questo amore gli uni verso gli altri!

La chiesa in fondo é questa immagine, un cuore che non ha confini, che non ha limiti, che é mamma, semplicemente mamma di tutti, e tutti fanno la chiesa vivendo come figli e fratelli… E questo sarebbe bello, anche per Gesù, che lo sa già bene, il divisore sarà pronto ad attaccare questa unità, il mondo creerà di tutto per dividere, abbattere, scacciare, rivendicare….

E allora Gesù continua a pregare, sempre più intensamente per tutti noi, perché siamo una cosa sola… Come tu lo sei con il Padre e lo fai sentire di esserlo con ognuno di noi!


A cura di don Francesco Paglia

Coordinatore del Centro diocesano vocazioni della Diocesi di Frosinone