don Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2020

363

“stando fuori mandarono a chiamarlo”

Questo stare fuori da parte di maria e dei fratelli/cugino di Gesù mi lascia riflettere… Non entrano, forse c’era tanta gente e non potevano, o forse non vogliono… Lo mandano a chiamare… Dopo la chiamata dei primi apostoli, i parenti di Gesù lo fanno chiamare…

Questo scambio di chiamate mi fa pensare a una preoccupazione forte dei suoi, dopo le prime cose compiute da Gesù, le guarigioni in giorno di sabato, gli scribi che ne parlano male…

I suoi hanno forse paura per lui e lo chiamano, quasi per portarlo indietro, prima che chiamasse gli apostoli!

Ma Gesù si guarda intorno, vede che intorno. Lui ci sono persone sincere, che stanno lì per ascoltare e fare la volontà di Dio… Che stanno cercando Dio, che lo vogliono nella loro vita… Non c’è paura! State tranquilli! Le buone compagnie rassicurano i genitori.. Così per Gesù quanto per noi…

Sia fatta la tua volontà! La preghiera che ci fa entrare in questa stanza, in questa intimità con Gesù e che diventa intimità con Dio!


A cura di don Francesco Paglia

Coordinatore del Centro diocesano vocazioni della Diocesi di Frosinone


Chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 3 ,31-35 In quel tempo, giunsero la madre di Gesù e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre». Parola del Signore