don Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 21 Ottobre 2020

232

“Se il padrone di casa sapesse a che ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa”.

Questo passo del vangelo di oggi mi fa pensare alla lotta continua contro le tentazioni… Lotta che ogni giorno siamo chiamati a vivere er non permettere che questo ladro ci scassini la casa, ci rubi le cose più preziose della nostra vita: l’intimità con Dio, la bellezza della nostra immagine e somiglianza con Dio, la serenità del cuore, la luce di Dio nella nostra vita, il dono dello Spirito che abita la nostra casa…

Tutte queste ed altre sono le cose meravigliose che la nostra vita possiede con la grazia di Dio… E questo ladro vorrebbe farci perdere, e allora viene nel momento più impensato, quando uno meno se ne accorge, o nel modo in cui tu non te ne accorgi, perché lui é l’astuto per eccellenza…

Ma noi abbiamo delle armi importantissime, le serrature dei sacramenti, l’allarme della coscienza, le telecamere della grazia di Dio, le sentinelle della veglia, le lampade accese della. Preghiera continua con la fiaccola della Parola di Dio e l’olio dello Spirito Santo, il difensore sul suo trono della Croce, un papà che ci ha donato tutto questo con il suo infinito amore! Una mamma che non dorme per starci accanto… Gli angeli che vegliano si di noi quando noi abbassiamo la. Guardia… I nostri santi che ci proteggono.
Questi doni sono forti… Ma a noi saperli custodire e credere in loro… Perché se non li custodiamo dentro casa il nemico arriva e non ce ne accorgiamo se non per i frutti cattivi che vivremo in seguito…


A cura di don Francesco Paglia

Coordinatore del Centro diocesano vocazioni della Diocesi di Frosinone