don Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 13 Marzo 2020 – Lc 15, 1-3. 11-32

7

“Gli corse incontro, gli si gettó al collo e lo baciò”

L’incontro più forte, il momento che cambia davvero la vita e l’esistenza di questo giovane, non é la carestia, non é il bisogno, non é il ragionamento sulle cose di prima, non é il voler tornare a Casa…

Tutte cose che lo portano a ragionare, a capire che li stava meglio, e che ora aveva fame… E a casa aveva tutto…. Anche un padre che aveva ucciso nel suo cuore… Non gli serviva più… Voleva la sua eredità…

Quello che sorprende é l’atteggiamento di questo padre, che lo aspettava alla finestra di casa, lo vede in lontananza, e corre… Gli corse incontro, gli si getta al collo, lui, non il figlio! Ma Lui! E lo bacia!!! La conversione avviene se davvero percepisci questo abbraccio, di un Dio che non ti giudica ma ti cerca, non gli servono le tue scuse ma la tua presenza, non i tuoi discorsi ma che ti lasci abbracciare e baciare da Lui!


A cura di don Francesco Paglia

Coordinatore del Centro diocesano vocazioni della Diocesi di Frosinone


Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2020 – Lc 15, 1-3. 11-32
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 13 Marzo 2020 – Lc 15, 1-3. 11-32