don Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020

33

“vi lascio la pace, vi do la mia pace, non come la dà il mondo io la do a voi”

Quale sarà questa pace che ci dà il Signore risorto? Non é quella del mondo… Non é un bel paesaggio quindi o un bel tramonto, non é la fuga dal dolore, dalle sofferenze o dalle angosce… Perché queste le puoi evitare ma poi ti arrivano, certe volte senza chiederti il permesso.

La pace che ti dà il Signore é ben diversa, ti fa entrare nelle tue paure sapendo che non sei solo, che avrai sempre un punto di appoggio sicuro, che hai al tuo fianco uno che ha sconfitto la morte per sempre! Non sia turbato il vostro cuore…

Impariamo a fare il Discernimento degli spiriti, se un pensiero mi porta turbamento forse non viene da Dio, il cui pensiero mi porta frutti di pace e di gioia, ma viene da qualche nemico che invece mi aspetta per turbarmi… Da chi vengono i miei pensieri?



A cura di don Francesco Paglia

Coordinatore del Centro diocesano vocazioni della Diocesi di Frosinone

Articolo precedentedon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020