don Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 11 Maggio 2020

39

“Vi ricorderà ogni cosa che vi ho detto”

Se lo Spirito Santo ha avuto questo compito fondamentale per gli apostoli per poter evangelizzare, infatti grazie a Lui hanno potuto ricordare le parole di Gesù, metterle per iscritto, tramandarle e farle giungere fino a noi, questo compito dello Spirito é altrettanto importante per noi…

Perché le parole del Signore spesso le dimentichiamo, il bene che Lui ci fa viene affossato da problemi e preoccupazioni quotidiane, e come sempre basta qualcosa. Che non va a farci dimenticare tutto il bene ricevuto… È proprio in questi momenti che bisogna invocare lo spirito perché ci faccia ricordare, ci faccia fare memoria, di quello che il Signore ci dice… Ci faccia fare memoria che anche con i nostri errori siamo stati scelti da Lui, amati da Dio, figli suoi! Noi spesso dimentichiamo, chi siamo, dove dobbiamo andare…

Quale direzione prendere… Ma soprattutto quello che il Signore ci ha fatto capire… E questo perché qualcun’altro non vuole che lo ricordiamo… Non vuole che seguiamo le parole di Gesù… E quest’altro, il diavolo di certo cerca di mandarci altrove senza chiedere il permesso!

Preghiamo lo Spirito, abbiamo bisogno di ricordare, di fare memoria, per riscoprirci amati, per ricrdare che abbiamo un potenziale di santità che non possiamo sottovalutare dicendo: non é per me! È proprio per te!!



A cura di don Francesco Paglia

Coordinatore del Centro diocesano vocazioni della Diocesi di Frosinone

Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 11 Maggio 2020
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 11 Maggio 2020