Don Fabrizio Moscato – Commento al Vangelo del 3 Settembre 2020

107

Pietro è davvero il “nostro” uomo!
Si può imparare sempre tanto da lui…

E oggi ci insegna che per ricominciare bisogna ammettere il proprio fallimento.

Pietro si fida della Parola di Gesù che lo invita a prendere nuovamente il largo e a calare le reti per la pesca, ma il suo sguardo sulla notte appena passata è tristemente autentico: fatica, fallimento, frustrazione, sconfitta, vuoto.

Ti puoi fidare della Parola solo dopo aver guardato autenticamente la tua povertà, dopo che ti sei confrontato con il tuo limite più avvilente, dopo aver riconosciuto che non sei riuscito a pescare nulla nonostante la fatica di tante notti insonni.

Gesù riesce ad entrare solo quando ti ritrovi le tasche vuote e riesci ad ammetterlo a te stesso e alle persone che ti ha messo accanto per aiutarti…

Riesce a ripescarti dal fallimento e a rimetterti in cammino per una strada nuova.

Dalle tasche vuote alle reti piene…

Questa è la vera pesca miracolosa.

Fonte: Telegram | Pagina Facebook

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno