Don Fabrizio Moscato – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2020

193

Troppo spesso penso che il Vangelo sia fatto per tenere insieme tutte le cose… Un collante autorevole da utilizzare per “accordare” tutto e tutti a tutti i costi…
Magari non me lo dico chiaramente… Ma spesso lo utilizzo così… Oggi una parola, domani un gesto, dopodomani un pensiero… Per far contenti tutti… Me per per primo, con le mie contraddizioni interiori…

Salvo sperimentare che questi equilibri sono più che altro “equilibrismi”, e che hanno fondamenta molto deboli, principalmente nel desiderio comune a tutti di… avere meno problemi possibili! Cerco questo tipo di pace perchè “voglio stare in pace”…

E scopro che Gesù si guarda bene dal portare “una pace a tutti i costi”: egli viene a portare inevitabilmente una divisione che è distinzione autentica, separazione nella verità, chiarificazione di fatti sotto una luce nuova…

Sì! Il Vangelo, per creare unità vera e profonda, deve dividere, deve essere segno di contraddizione, deve generare differenza e inquietudine per realizzare un’identità, per essere veramente se stessi nella verità, dentro e fuori…
Deve penetrare come una spada… E se questo ferisce, è segno che il fuoco è già acceso.

Fonte: Telegram | Pagina Facebook

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno