don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022

110

- Pubblicità -

Nella fede o c’è un movimento di salita, di ascesi, o non si sta procedendo.

Il Signore dice ai suoi che devono salire a Gerusalemme, la città santa, dove fare esperienza di Dio.

L’esperienza alta e profonda con Dio ci permette di accogliere quelle flagellazioni, quei momenti difficili, che sempre ci saranno nella vita di ogni ognuno. La differenza non sta nella situazione che ciascuno vive, ma il modo con il quale la vive.

C’è chi vive le situazioni affidandosi a se stesso e sperimentando il fallimento, e c’è chi le vive risignificandole con la fede e cercando la volontà di Dio in esse.

Il Signore non ci manda le situazioni, ma ci manda lo Spirito per viverle da figli di Dio.

Allora dovremmo imparare che è questa la giusta richiesta da fare nelle nostre preghiere, piuttosto che chiedere raccomandazioni…

Chi è già figlio di Dio, ha proprio bisogno di raccomandarsi al Padre? Può un padre dimenticarsi di un figlio?

- Pubblicità -

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentePadre Teresino Serra – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022