don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2022

38

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Lunedì 9 Maggio 2022 – IV Settimana di Pasqua

Quanti estranei abitano la nostra vita cristiana. Estranei sono atteggiamenti o parole o modi di pensare distanti da Dio, che non hanno a che fare con il valore della vita o della fede, con il bene della persona nella sua interezza…

Continua il discorso di Gesù che si afferma come pastore. Il pastore parla alle sue pecore ed esse vengono condotte al sicuro. Ci sono due condizioni per questo si realizzi:

  • riconoscere Gesù come pastore, desiderando di volerlo seguire anche nei momenti difficili;
  • ascoltare la voce del Pastore che si esprime attraverso la Scrittura, anche se dura, i suoi ministri, anche se imperfetti, la sua Chiesa, anche se peccatrice (come direbbe sant’Agostino).

Più frequentiamo il Signore e più sapremo riconoscere la sua voce e la sua volontà.

  • tu chi stai seguendo?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Federico Pucci – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 9 Maggio 2022