don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022

56

- Pubblicità -

Nel brano di oggi ci sono almeno due verità che ci riguardano:

  1. Gesù ci dice che noi cerchiamo la libertà ma diventiamo sempre più schiavi. Questo perché non sappiamo cosa significhi essere liberi. Anche i figli credono che i genitori siano stressanti perché impediscono loro molte cose. Da grandi impareranno che quelle regole servivano per non sbagliare e vivere meglio.
  1. Gesù avverte che diciamo di credere in Dio, ma poi non accogliamola sua Parola. Ci risulta così difficile accettare e mettere in pratica i suoi insegnamenti… non abbiamo il coraggio di dare una sterzata definitiva alla nostra vita. Pensiamo a quanti preferiscono la convivenza anzichè il matrimonio. Qualcuno pensa al matrimonio come atto formale di firme, ma un cristiano dovrebbe pensarlo come atto di consacrazione a quel Dio in cui dice di credere. Al pari dei sacerdoti, delle suore, dei consacrati e delle consacrate laiche.

Ogni volta che non ci sforzeremo di accogliere l’insegnamento di Dio nella nostra vita, allora lo respingeremo, proprio come hanno fatto i Giudei con Gesù, perché non hanno voluto scommettere in Lui, quindi non hanno voluto cambiare, perché accomodati nelle loro false certezze.

  • Cosa ti blocca al cambiamento?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022
Articolo successivoDon Francesco Cristofaro – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022