don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 31 Gennaio 2022

224

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Lunedì 31 Gennaio 2022
san Giovanni Bosco – IV settimana tempo ordinario

Mi piace questo Vangelo per due aspetti:

Anzitutto mostra la potenza di Gesù che anche per gli spiriti impuri è irresistibile, e benché essi lo rifiutino Gesù ha il potere di comandare su di loro e loro gli obbediscono. Quanto è potente Gesù, davvero può salvarci… se solo sapessimo fidarci davvero di Lui vedremmo anche noi meraviglie.

Il brano di oggi riguarda un’opera di esorcismo, ma mi meraviglia anche l’aspetto di attualità. Anche oggi ci sono molti che pur sapendo che Gesù esiste lo rifiutano perché ritengono che Lui ci porti a perdere la vita. E invece Gesù le ridona dignità. 

Quella stessa dignità che in questo brano vediamo perdersi: un uomo che si agita, grida, si percuote… Quante persone di agitano e gridano impazienti alla ricerca di qualcosa che possa placare il loro desiderio di infinito e lo fanno in modo sbagliato, proprio come quell’uomo che is percuoteva con le pietre, si fa del male.

Affidarsi al Signore, alla sua dolce presenza, significa lasciarsi guidare a piccoli passi verso quel piacere infinito che solo lui può appagare.

  • Come si chiama quel piacere che senti irresistibile e che appaghi più volentieri rispetto alla compagnia di Cristo?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE

- Pubblicità -


Articolo precedentep. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 31 Gennaio 2022
Articolo successivoPadre Vincenzo Percassi – Commento al Vangelo del 31 Gennaio 2022