don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 3 Giugno 2022

56

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Venerdì 3 Giugno 2022 – san Carlo Lwanga – VII Settimana di Pasqua

Agli inizi della sua missione, Gesù aveva “strappato” dalle reti e dal mare i pescatori di Galilea, e il primo ad esser chiamato fu proprio Simone, a cui poi diede il nome di Pietro, perché doveva essere la roccia su cui fondare la Chiesa. 

Gesù chiede per ben tre volte a Pietro: “Mi ami tu?”  e per tre volte gli affida il suo gregge. Ma alla terza volta aggiunge una parola che è tutto un programma: “Seguimi!”. Si può immaginare che Gesù volesse dire a Pietro: “So bene che sei un pover’uomo, che mi hai rinnegato e forse lo farai ancora, ma non ti chiedo di essere perfetto, ti chiedo solo di amarmi con cuore sincero, di fare sul serio con me, come io ho fatto sul serio con te e con i tuoi amici, dando la vita per voi”. 

I tempi che attraversiamo rendono quanto mai attuale questa domanda di Gesù… Tu vuoi seguirlo con amore?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 3 Giugno 2022
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 3 Giugno 2022