don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 28 Maggio 2022

89

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Sabato 28 Maggio 2022 – VI Settimana di Pasqua

C’è un modo per renderci irresistibili a Dio Padre: chiedere nel nome di Gesù.

Non è una novità dal momento che nei giorni scorsi abbiamo ascoltato che Gesù disse ai suoi discepoli che Lui è la via che porta al Padre. Oggi sentiamo che “se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà”.

Chiedere nel nome di Gesù significa imparare da Lui il modo di pregare, cioè di parlare con il Padre. Ogni figlio conosce i genitori e quando vuole chiedere qualcosa sa come fare.

Ecco. Impariamo da Gesù che ha in sé lo Spirito. Forse dovremmo partire proprio da qui: invochiamo lo Spirito e Lui dirà come parlare.

  • e tu come parli con Dio Padre?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedenteGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 28 Maggio 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 28 Maggio 2022