don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2022

195

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Venerdì 28 Gennaio 2022 – s. Tommaso d’Aquino – III settimana to

Il Vangelo parla di questo tempo di attesa e dello stile con cui Dio lavora nel mondo: la pazienza.

Raccontando il Regno di Dio alla folla che lo ascoltava Gesù richiama due esempi molto semplici e immediati: un contadino e un granello di senape.

Due immagini incarnate per dire il mistero di Dio.

Dio, infatti, non è come un boscaiolo che taglia i tronchi, che recide qualcosa di noi per fare qualcosa di utile per lui, come fossimo legna da ardere. No.

Egli, piuttosto, ha la fisionomia di un contadino che, dopo aver gettato il seme nella terra, aspetta pazientemente l’ora dei frutti. Non può accorciare i tempi delle stagioni, lo capisce e sa aspettare, per il bene stesso della pianta.

Il Regno poi è semplicemente come il granello di senape, su cui nessuno ci scommetterebbe mai, eppure cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto.

- Pubblicità -

Che mistero! Eppure ciò che il contadino semina è un piccolo seme. Il resto lo opera la grazia di Dio che è silenziosa, discreta, paziente. Quante volte amiamo bruciare le tappe concentrandoci solo sul finale non badando alla crescita umana e spirituale.

  • E tu sai attendere con pazienza la tua crescita? Semini semi buoni? Ti senti seme seminato da Dio?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2022
Articolo successivoSuor Martha Helena Huerta – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2022