don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 27 Marzo 2022

124

- Pubblicità -

Hai mai fatto esperienza d’amore?

Non importa se credi di averla fatta o no, ma una importa: tu sei frutto di amore!

Questa consapevolezza deve bastare per farti essere felice. Non importa se i tuoi genitori non vivono più insieme, non importa se il/la tua partner non è più con te dopo un tempo di appassionanti vicende, non importa che i tuoi amici ti abbiano deluso, non importa se a lavoro o a scuola non hai buoni rapporti con i colleghi o compagni…

Tu sei e resti figlio/a amato/a.

Le delusioni della vita ci aiutano a ricordare che non dobbiamo credere che dipenda tutto da noi, perché altrimenti ci colpevolizzeremo per ogni fallimento. Ogni delusione è una possibilità di crescita e di presa di coscienza che abbiamo sempre e comunque un Padre che ci ama a prescindere dagli altri e da quello che facciamo: Dio Padre!

L’importante è restare con Lui e tornare sempre a Lui ogni volta che ce ne allontaniamo. Anzi, ogni volta che decidiamo di fare un passo verso Dio Lui ne fa ben dieci per venirci incontro. “Lui che viene a visitarci, a colmarci della sua grazia, a rallegrarci con la sua gioia” (papa Francesco). 

Il papa ci ricorda che la Confessione è il momento in cui celebriamo l’amore di Dio per noi, perché diamo “al Padre la gioia di rialzarci”. Noi non siamo il nostro peccato, i nostri vizi… noi siamo il suo amore. Allora per essere felici dobbiamo toglierci dal centro e mettere al centro Lui, che ci libera e ci rimette in piedi sempre. Come fa con ogni suo figlio che prima sperpera e dimentica, ma poi si rende conto che da solo non può valere nulla.

- Pubblicità -

  • Chi/cosa è al centro della tua vita?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 27 Marzo 2022
Articolo successivodon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 27 Marzo 2022