don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2022

128

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Mercoledì 26 Gennaio 2022 – ss. Timoteo e Tito

Commento al Vangelo del giorno a cura di don Aurelio Sanapo, di don Domenico Bruno.

Link al video

“La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai”.

Il campo è pronto- dice Gesù nel Vangelo- ma manca la disponibilità della forza-lavoro.

Questo campo è il mondo dove c’è bisogno di agricoltori, potatori, semplici operai che facilitino la crescita del Regno di Dio.

Il rischio, a volte, è che, timorosi del fatto che questa terra non è proprio nostra, non ce ne sentiamo responsabili rifiutandoci di raccogliere anche i frutti già maturi in noi e attorno a noi e li lasciamo cadere per terra inutilmente.

Come ci manca anche il coraggio di potare, in noi prima di tutto, quelle parti che non portano frutto buono.

- Pubblicità -

San Paolo, però, nella prima lettura ci dice: “Dio non ci ha dato uno spirito di timidezza, ma di forza, di carità, di prudenza”. Allora coraggio, non lasciarti intimidire, lo Spirito ti da la forza.

  • E tu ti senti un operaio a servizio del Signore o ti vergogni di dargli testimonianza nella tua vita quotidiana?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2022
Articolo successivodon Tomasz Korszun – Commento al Vangelo di oggi – 26 Gennaio 2022