don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 24 Marzo 2022

102

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Giovedì 24 Marzo 2022 – III settimana di Quaresima

Questa pagina del Vangelo ci invita a guardare quello che ci è stato dato, le cose che abbiamo, le situazioni che diamo per scontato, le persone che sono nella nostra vita. 

Proviamo a sentire dove e per cosa la gioia e la gratitudine fioriscono. Poi ascoltiamo e riconosciamo, senza paura, le accuse che ci dividono e le pretese che ci chiudono e isolano la nostra persona dalla comunità, per farci dimenticare la presenza di Gesù al nostro fianco. 

Egli ci sfiora con un dito e tocca ogni cosa e persona della nostra vita, per ricordarci che siamo tutti in cammino, siamo tutti figli e tutti viviamo in continua lotta tra bene e male, tra giusto e sbagliato, tra chiusura e apertura; nessuno può possedere la verità, ma ognuno ne fa parte. 

Gesù ci suggerisce di scegliere l’amore, il perdono, la fede e la preghiera. 

  • In quale situazione o luogo della mia vita ho smesso di ascoltare, diventando incapace di parlare? Quando ho creduto che l’unica possibile risposta al male fosse il male? Per cosa posso ringraziare e cosa posso perdonare oggi?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentePadre Fabio Baldan – Commento al Vangelo del 24 Marzo 2022
Articolo successivoEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 24 Marzo 2022