don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 24 Maggio 2022

71

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Martedì 24 Maggio 2022 – VI Settimana di Pasqua

Ci avviciniamo sempre più alla momento in cui nasce la Chiesa: il giorno della Pentecoste. I Vangeli riportano spesso l’elemento portante, anzi fondatore, di quel momento: lo Spirito Santo.

Gesù sottolinea spesso l’importanza che ha lo Spirito: ricordare tutto ciò che il Padre ha detto per mezzo del Figlio, perdonare tutti i peccati di quanti lo accoglieranno e si lasceranno guidare, risollevare con la sua forza quanti hanno difficoltà a credere.

Le domande che dobbiamo porci sono: quanto invoco lo Spirito? Quanto mi lascio davvero guidare da Lui? Quanto mi lascio ispirare in pensieri, parole e opere?

È l’azione dello Spirito-Dio in noi che ci identifica come Figli di Dio che ama.

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedenteGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 24 Maggio 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 24 Maggio 2022