don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 23 Gennaio 2022

119

- Pubblicità -

Gesù realizza la Scrittura

Come ogni Domenica la Chiesa celebra la Parola di Dio. 

Tutta la liturgia è ordinata alla sua gloria, non solo da parte del singolo credente ma anche dall’assemblea che ascolta quella Parola promettente, nutriente, edificante.

Le parole della Torah pronunciate da Esdra nella prima lettura scuote l’ascoltatore cercando di suscitare pentimento; le parole del profeta Isaia messe in bocca a Gesù nel Vangelo creano invece attrazione: “Gli occhi di tutti erano fissi su di lui”.

Esdra spiega le Scritture, Gesù da vero Maestro spiega con la sua vita come “Oggi si è compiuta questa Scrittura che avete ascoltato”! È un dato di fede che noi credenti non possiamo tralasciare, Gesù ci vuole attirare e salvare attraverso la sua Parola.

Sarebbe bello che attraverso la nostra vita si potesse compiere la Scrittura e diventare Scritture viventi.

Ti senti attratto dalla sua Parola? Produce un effetto nella tu vita oppure ti è indifferente?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE

- Pubblicità -


Articolo precedenteTracce di Luce – Commento al Vangelo del 23 Gennaio 2022
Articolo successivoS.E.R. Mons. Andrea Turazzi – Commento al Vangelo di domenica 23 Gennaio 2022