don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2022

116

- Pubblicità -

Il tema del perdono da sempre interpella il cristiano di ogni tempo. Pietro pensa al perdono come un mettere a posto la coscienza: «fino a sette volte»; mentre Gesù parla del perdono come di un cammino. La risposta di Gesù dilata all’infinito i confini del perdono. 

Non è questione di moltiplicazione, piuttosto di una mentalità nuova a cui ciascuno di noi è chiamato. Il perdono non può essere ridotto ad un’osservanza della Legge ma è un dare vita, ovvero “restituire la vita a colui al quale dovrebbe essere giustamente tolta”. 

Perdonare significa sfuggire dalla logica dei due pesi e due misure illustrata da Gesù nella parabola. Gesù non cerca la pienezza della legge, ma la pienezza del cuore. Il perdono è un esercizio che dilata il cuore, difatti un cuore che non perdona è un cuore atrofizzato. 

Riusciremo a perdonare «settanta volte sette» quando avremo il coraggio di perdonarci e di accogliere il perdono di Dio, solo allora riusciremo a perdonare di cuore al nostro fratello. 

  • E tu preferisci fermarti al sette, alla pienezza della Legge, o andare oltre il sette, cercando la pienezza del cuore?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 22 Marzo 2022
Articolo successivoSuor Agnese Masserini – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2022