don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022

83

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Mercoledì 20 Aprile 2022 – ottava di Pasqua

Tutta la nostra vita è un continuo cammino. Gerusalemme rappresenta la meta della fede, l’incontro con il Signore. Allora la nostra esistenza è orientata a Dio. 

Tutto intorno ci aiuta a favorire il cammino verso questa meta. Intorno a noi tanti segni ci parlano della presenza del Risorto, ma spesso gli ignoriamo perché abbiamo gli occhi così occupati da altre immagini che non riusciamo a riconoscerlo, proprio come i Discepoli sulla strada di Emmaus.

Ma c’è una cura che ci può aiutare: spezzare il pane eucaristico e nutrirci di esso. Infatti i discepoli dopo essere stati a tavola con lui, lo riconobbero quando spezzò il pane. 

Gesù sta con i discepoli in quei momenti di ordinaria quotidianità, come a dire che vuole stare con noi sempre. Se anche noi lo rendessimo parte di tutta la nostra vita, e non solo nei momenti straordinari, allora impareremmo a ri-conoscerlo e lo sentiremmo davvero presente.

  • In che momenti lo riconosci presente?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Marco – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 20 Aprile 2022