don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2022

121

- Pubblicità -

Quella di oggi è una parabola forte, ma parla a ciascuno di noi, in particolare a tutti quei cristiani che sono convinti che basti credere per entrare un giorno nel regno di Dio e intanto vivere la vita terrena come peggio si desidera.

Sì, diciamo come peggio si desidera, perché spesso scegliamo di vivere non al meglio, ma al peggio. Solo il Signore e i suoi insegnamenti meditati e interrogati nella preghiera ci possono suggerire come essere coerenti e non soggetti ad alcuni potere. 

Non basta dire di credere a Gesù e poi sostenere una propaganda di morte, non basta andare a messa e poi non riuscire a perdonare un fratello/sorella, non basta prendere l’ostia consacrata a messa e poi non impegnarsi ad essere un testimone coerente con quello che Gesù insegna. 

Troppe volte crediamo che ciò che il Signore dica sia sempre per gli altri. Quando ascolti il Vangelo o un’omelia, come magari in questo momento, pensi spesso a quella persona o a quel collega che in effetti si comporta così…

  • E tu, sei coerente da chiederti se anche tu ha qualcosa di simile?

Il regno di Dio è per chi desidera diventare perfetto come Dio e si sforza in tutto per riuscirci.

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE

- Pubblicità -


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 18 Marzo 2022
Articolo successivoFratel Antonio Soffientini – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2022