don Cristiano Mauri – Commento al Vangelo del 20 Marzo 2020

152

Ascolto E Sguardo

Il commento al Vangelo del giorno di don Cristiano Mauri.

Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici». Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio».

Nel «Regno di Dio» non si entra quando si muore. Si entra ogni volta che si ama.
Perché il «Regno di Dio» non è un residence di lusso in cui entrerà chi ha dimostrato di meritarselo.
È una sovranità, una forza che tiene e sostiene ogni cosa, è “Qualcuno” che si fa carico di “qualcun altro”.
E lo fa secondo l’Amore, quella limpidissima intenzione di bene a favore dell’altro, che arriva a dare la propria vita perché l’amato viva.

Un regno così non avviene per prodigi che scendono dal cielo, ma per uomini e donne che giorno dopo giorno, ora dopo ora, minuto dopo minuto si dedicano ad amare.
No, non lasciandosi solo prendere dall’emozione e dal sentimento.
Piuttosto decidendosi, in piena responsabilità e libertà, di dedicarsi al bene di tutti, partendo dal primo che si trovano accanto fino all’ultimo più lontano da loro.

E amano anzitutto impegnandosi a far bene quel che ogni giorno sono chiamati a fare, anche oltre la misura richiesta, solo perché sperano che a qualcuno possa giovare.
E amano cercando di fare dei loro legami un laboratorio di armonia, riconciliazione, attenzione, ascolto, accoglienza, valorizzazione, rispetto, cura, comprensione e compassione. Offerti e ricevuti.

Le condizioni di vita a cui siamo costretti in questi giorni, stanno mettendo in crisi anche i normali modi, linguaggi, tempi, luoghi del voler bene e non c’è da banalizzare a riguardo, dicendo «basta amare». No, non è così semplice.
Molta della sofferenza e della paura che stiamo tutti provando, riguarda anche quello o, forse, soprattutto.
Si è fatto precario anche il voler bene, nei suoi aspetti più concreti, oppure si è fatto difficilissimo.
Il pensiero che farsi vicino a chi amiamo può fargli del male, unito a un enorme senso di impotenza, non solo spaventano, ma toccano qualcosa che sta alla radice di noi.
E che ha a che fare con il cuore del Vangelo.

Non c’è tempo in cui non si possa amare, ma ogni tempo chiede le sue strade.
C’è da tracciarne di nuove e non sappiamo molto bene né dove, né come.
Riconoscerlo con umiltà e semplicità mi pare già un atto d’amore e di fede nel «Regno di Dio» che è sempre vicino.

Continua qui…

Fonte: il sito di don Cristiano

Iscriviti alla mailing list: https://vangelodelgiorno.labottegadelvasaio.net/iscriviti/

Oppure al Canale Telegram per il commento audio: https://t.me/LaBottegaDelVasaio


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.