don Cristiano Mauri – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2020

148

Ascolto E Sguardo

Il commento al Vangelo del giorno di don Cristiano Mauri.

Luca fa cominciare il ministero di Gesù dal paesino in cui è cresciuto. Entrato in sinagoga durante il culto del sabato, Gesù si alza per leggere.

Con un passo del profeta Isaia, traccia una sorta di programma del suo ministero pubblico, identificandosi con il consacrato del Signore: «Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi a proclamare l’anno di grazia del Signore».

Sarà una missione di annuncio di buona notizia rivolta ai poveri e ai sofferenti e un’opera di liberazione degli oppressi.

Che Gesù si identifichi con quella profezia crea meraviglia nei suoi compaesani, che però non nascondono la comprensibile fatica ad accettare la realtà che la carne di un compaesano sia il tempio della presenza di Dio. 

La reazione di Gesù è dapprima ironica, con la citazione del proverbio popolare che invita il medico a curare se stesso, per poi diventare più critica nelle parole che oggi commentiamo.

L’inizio del ministero pubblico di Gesù è già segnato dal conflitto tra il disegno di Dio e la volontà del popolo. Giustamente egli inaugura l’anno di grazia partendo dalla propria patria (l’anno giubilare era associato al ritorno nella terra natale) ma deve constatare la resistenza della sua gente.

Di fronte alla resistenza, Gesù si affida ancora alla sapienza biblica, ricordando due episodi in cui famosi profeti offrirono i doni di grazia del Signore a pagani non appartenenti ad Israele.

Nel primo episodio, Elia, in aperto scontro con il re Acab e Gezabele, proclamata la siccità, fugge per ordine divino presso il torrente Cherit, da cui poi muoverà verso Sarepta di Sidone, dove troverà ospitalità da una vedova che gratificherà con la prodigiosa moltiplicazione dell’olio e della farina e con la miracolosa guarigione del figlio.

Nel secondo, Eliseo guarisce dalla lebbra Naaman, comandante dell’esercito arameo, in piena gratuità, conducendolo così ad affermare che: «Ora so che non c’è Dio su tutta la terra se non in Israele».

Luca, che già con la sua comunità e nell’operato di Paolo vede l’allargarsi del Vangelo a tutte le genti, rilegge tale allargamento come parte del disegno divino radicandolo nell’antico testamento.

La reazione dell’uditorio passa dalla meraviglia alla collera più violenta che spinge i concittadini di Gesù a cercarne addirittura la morte.

Un simile comportamento resta sproporzionato anche di fronte alle parole critiche che sono state pronunciate. Il fatto che conducano Gesù fuori dalla città, crea un immediato collegamento con la fine della vicenda, quando sarà condotto fuori Gerusalemme per essere crocifisso.

La grazia, la liberazione, la salvezza e la pace sono sorprendentemente e misteriosamente respinte.

Continua qui…

Fonte: il sito di don Cristiano

Iscriviti alla mailing list: https://vangelodelgiorno.labottegadelvasaio.net/iscriviti/

Oppure al Canale Telegram per il commento audio: https://t.me/LaBottegaDelVasaio


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.