don Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del giorno, 8 Giugno 2019

132

Riflessione al brano del Vangelo della domenica a cura di don Claudio Bolognesi

Dal Vangelo di oggi:
Nell’ultimo giorno, il grande giorno della festa, Gesù, ritto in piedi, gridò: 
«Se qualcuno ha sete, venga a me, e beva chi crede in me». (Gv 7,37)

Sete, vera sete, è tanto. 
È qualcosa che ti si pianta in gola e ancora di più in testa 
al punto che non pensi ad altro. 
Forse la disgrazia più grande è non avere sete di nulla. 
Forse non dobbiamo aver paura di attraversarli i deserti della vita. 
Troveremo in Te, sempre, l’acqua che cerchiamo.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Questo è il discepolo che testimonia queste cose e le ha scritte, e la sua testimonianza è vera.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 21, 20-25

In quel tempo, Pietro si voltò e vide che li seguiva quel discepolo che Gesù amava, colui che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: «Signore, chi è che ti tradisce?». Pietro dunque, come lo vide, disse a Gesù: «Signore, che cosa sarà di lui?». Gesù gli rispose: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa? Tu seguimi». Si diffuse perciò tra i fratelli la voce che quel discepolo non sarebbe morto. Gesù però non gli aveva detto che non sarebbe morto, ma: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa?».
Questi è il discepolo che testimonia queste cose e le ha scritte, e noi sappiamo che la sua testimonianza è vera. Vi sono ancora molte altre cose compiute da Gesù che, se fossero scritte una per una, penso che il mondo stesso non basterebbe a contenere i libri che si dovrebbero scrivere.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteCenacolo GAM – Commento al Vangelo del 8 Giugno 2019 – Gv 21, 20-25
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo di oggi, 9 Giugno 2019 – Gv 14, 15-16.23b-26