don Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del giorno, 27 Settembre 2019

2

Dal Vangelo di oggi:
«Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, 
essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, 
venire ucciso e risorgere il terzo giorno». (Lc 9,22)

C’impressione molto quel «deve». 
Per noi fare le cose per dovere 
sembra escludere l’amore. 
Ma il dovere può essere l’amore 
che si fa quotidianità, che è fedele. 
Che affronta il dubbio e la fatica. 
E prepara la gioia.
Te lo sei caricato sulle spalle, 
ci hai messo dentro tutta la Tua umanità. 
E lo hai santificato.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Tu sei il Cristo di Dio. Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 9, 18-22

Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto».

Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio».

Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».

Parola del Signore