don Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del giorno, 17 Ottobre 2019

470

Dal Vangelo di oggi.
“Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. 
Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite”. (Lc 11,47)

Rinchiudere l’altro, lo scomodo, il profeta in un bel sepolcro 
che dimostri quanto lo amavamo, 
serve per tenere a bada i sensi di colpa. 
Tu ci chiedi di riconoscere la profezia, 
la Tua voce che parla in ogni fratello che incontriamo, oggi. 
E d’imparare ad ascoltarTi in lui per cambiare insieme il presente.

Commento a Cura di don Claudio Bolognesi (Diocesi di Faenza)

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Sarà chiesto conto del sangue di tutti i profeti: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 11, 47-54

In quel tempo, Gesù parlò dicendo:

In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite.

Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione.

Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito».

Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

Parola del Signore