don Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del giorno, 14 Ottobre 2019

384

Dal Vangelo di oggi:
“Questa generazione è una generazione malvagia; 
essa cerca un segno, 
ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona”. (Lc 11,29)

“Pretende un segno” chi crede che debba fare Tu un po’ tutto: 
far sparire i dubbi di fede, renderci buoni. 
Cancellare ogni sofferenza.
“Il segno di Giona” è un cammino di conversione che parte dalla Tua parola. 
Credere che possiamo cambiare, perché Tu ce lo dici. 
Vivere la gioia e la fatica di provarci. 
Lasciarci prendere la mano da Te e fare questo cammino insieme.

Commento a Cura di don Claudio Bolognesi (Diocesi di Faenza)

A questa generazione non sarà dato che il segno di Giona.
Dal Vangelo secondo Luca Lc 11, 29-32 In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione. Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone. Nel giorno del  giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona». Parola del Signore