don Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 28 Febbraio 2020

242
Dal Vangelo di oggi:
Allora gli si avvicinarono i discepoli di Giovanni e gli dissero: 
«Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». (Mt 9-14)
 
Quando sappiamo qualcosa meglio degli altri, quando facciamo qualcosa di buono non vediamo l’ora di raccontarlo. E che gusto c’è se gli altri non sanno, se non sono stati capaci di fare altrettanto? È che a volte lo facciamo anche con Te. Da stolti, siamo disposti a insegnarti molto. 
Eppure anche allora, se Ti ascoltiamo, ampli i nostri orizzonti, liberi i nostri cuori e le nostre menti.

Quando lo sposo sarà loro tolto, allora digiuneranno.
Dal Vangelo secondo Matteo Mt 9, 14-15 In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno». Parola del Signore