don Claudio Bolognesi – Commento al #Vangelo del 27 Novembre 2018

66

Breve riflessione al brano del Vangelo di domenica a cura di don Claudio Bolognesi.

Pensiamo alle nostre belle chiese, a San Pietro… ci chiediamo: come reagiremmo se venissero distrutte? Speriamo che non succeda mai, ma non sono eterne. 
Sei Tu che conservi il bene per l’eternità. È nelle Tue mani che nulla verrà distrutto.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Lc 21, 5-11
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 2 Dicembre 2018 – Fraternità Gesù Risorto
Articolo successivoLa Corona di Avvento