don Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 10 Marzo 2020 – MT 23, 1-12

132

Dal Vangelo di oggi:
“E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste”. (Mt 23,9)

Al “padre” si ubbidiva ciecamente. La tentazione è di esserlo per noi stessi, quando facciamo solo quello che ci pare. O di affidarci a chi ci plagia, un’ideologia, alla pubblicità alla tv. 
Scegliere Dio come Padre, significa seguire una via difficile di libertà. Non aver paura di ubbidire a chi regola le nostre vite. Ma non riconoscere a nessuno, a partire da noi stessi, se non a Te, l’autorità di “Padre”.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.