don Antonio Savone – Commento al Vangelo del 18 Agosto 2020

232

Deve aver senz’altro subito uno scossone Pietro nel vedere quell’uomo che di fronte alla proposta di Gesù di vendere tutto, darlo ai poveri e seguirlo se ne era andato triste. Chissà cosa deve aver attraversato l’animo di Pietro mentre Gesù provava a tirar fuori da quell’uomo una disponibilità che non verrà mai. Chissà cosa deve aver pensato mentre Gesù si abbandonava ad un disincantato commento circa coloro che hanno ricchezze.

A questo punto Pietro proprio non riesce a trattenersi e tenta una sorta di bilancio e lo fa anche a nome degli altri suoi compagni: Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito…

Abbiamo lasciato tutto: certo avevano lasciato casa, famiglia, villaggio, amici, mestiere, ma soprattutto avevano messo in discussione idee, progetti, usi, abitudini. Da pescatori si erano ritrovati itineranti; loro che erano esperti del mare si erano ritrovati discepoli; la loro era una vita fatta di piccole certezze e ora, invece, neppure una. Tutto all’insegna del provvisorio. Avevano davvero lasciato tutto! Quanto grande doveva essere la ricompensa!

Pietro, tuttavia, è ancora chiuso in una logica contrattualistica: nessuno fa niente per niente.

Pietro nell’evocare il tutto lasciato, mette a fuoco alcune aree della sua vita e prova a farne un bilancio. Si tratta dell’area affettiva (chi mi vuole bene?), dell’area decisionale (cosa conto?), quella dei mezzi a disposizione (di che cosa dispongo?), poi quella dell’immagine sociale (che cosa pensano gli altri di me?), quella ancora del significato (che senso ha?) e infine quella della identità (chi sono?)

Pietro vive un vero e proprio momento di perplessità le cui conseguenze non sono ancora chiare. Accade anche a noi di attraversare l’esperienza dell’incertezza e del tentennamento che in genere assumono varie sfaccettature: sento che mi si chiede troppo…; perché rinunciare a disporre della mia volontà? Perché rinunciare a un affetto o una carriera? e se fosse tutto una illusione? quali garanzie come contropartita? cosa può voler dire fidarmi fino in fondo? perché rinunciare a cose pur legittime?

A questo punto non tarda l’intervento di Gesù il quale assicura una ricompensa inimmaginabile già ora e poi per la vita eterna. Ma chiede a Pietro e agli altri un cambio di prospettiva:

  • da una logica contrattuale a una scelta di fede e di amore;
  • dall’avere dei beni all’essere della persona;
  • dalla ricerca di qualcosa per sé al vivere in comunione con lui.

Seguire lui è vita, non rinuncia (cfr. Fil 3,3-14).

A Pietro che chiede cosa potrà ricevere in cambio, Gesù spiega il valore e la fecondità di quella sua scelta.

Se è vero che si lascia è altrettanto vero che si ritrova tutto. Certo, nessuna parcella immediata per il lavoro svolto: qui siamo oltre le categorie di premio/ricompensa. Qui la prospettiva ha l’orizzonte dell’eternità. Ma, nel contempo accade già qualcosa qui, ora:

  • una fraternità che ti accoglie
  • un’affettività che va oltre il generare e non per questo impedita dall’essere dono per gli altri
  • una comunione con il Signore che tutti coinvolge
  • una sicurezza economica di altro genere.

Cento volte tanto: Gesù promuove con la sua proposta una cultura di comunione che non abolisce la proprietà ma tutto fa sentire come nostro, realtà affidata a noi e al nostro amore fraterno. Quel lasciare proposto da Gesù è inizio di creazione nuova, fuori dall’ansia del possedere, capaci di perdono e di amore.

Quali le condizioni per avere il centuplo?

Per il mio nome… A fare la differenza è la persona del Signore Gesù. Nella comunione con lui ha già inizio la vita eterna: questa è la vita: conoscere te e colui che hai mandato. Lasciare tutto per lui non è seguire un’idea, non è un cavalcare l’onda dell’entusiasmo, non è neppure andar dietro a una utopia. Seguire lui vuol dire lasciarsi continuamente spostare orizzonti e confini.

Fare del vangelo la ragione della propria vita tanto da dipenderne.

Marco aggiungerà: insieme a persecuzioni… l’essere confrontati fa parte della posta in gioco. Lontani da ogni trionfalismo: la strada, per il maestro come per il discepolo, è quella del mistero pasquale. Comporterà senz’altro derisione, isolamento, emarginazione, sofferenza di essere ridotti, trovare porte chiuse.

La proposta è per tutti: per alcuni a livello di preferenzialità, di priorità, di saper anteporre, per altri di esclusività, secondo la propria vocazione.

Lasciare significa interpretare in modo nuovo tutto quello che siamo e che abbiamo: nostra è la responsabilità di amministrare bene la nostra vita, ma la nostra vita è bene amministrata quando non distogliamo lo sguardo dagli altri, soprattutto da chi è nel bisogno.

Liberi nel condividere… grati nel ricevere…


AUTORE: don Antonio Savone
FONTE
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER – @anthodon