don Antonio Savone – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022

148

- Pubblicità -

Non basta un adempimento formale dei propri doveri: sarebbe come accontentarsi di non aver mai tradito, sì, ma anche di non aver mai amato. Occorre “il vino buono” per ottenere il quale è necessario fidarsi del Signore proprio come Maria suggerisce e come i servi fanno. È la fede in lui a far sì che davvero il meglio debba ancora accadere. È la fede in lui a trasformare un incidente di percorso in un’occasione di grazia.


AUTORE: don Antonio SavoneFONTE CANALE YOUTUBETELEGRAM

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022