don Antonio Savone – Commento al Vangelo del 12 Settembre 2021

60

Pietro avrebbe voluto volentieri gustare il momento magico del traguardo senza percorrere il sentiero solitario della consegna di sé. Dovrà invece imparare a sue spese che conosce la fecondità dell’esistere, solo chi accetta il silenzio del seme che cade nella terra e marcisce.


AUTORE: don Antonio SavoneFONTE CANALE YOUTUBETELEGRAM

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 12 Settembre 2021
Articolo successivodon Guido Santagata – Commento al Vangelo di domenica 12 Settembre 2021