don Antonio Savone – Commento al Vangelo del 1 Aprile 2022

85

- Pubblicità -

Sulla vicenda di Gesù si stanno addensando nubi plumbee. Sta per scatenarsi una tempesta. Quanto Gesù aveva compiuto in Galilea aveva portato gioia e fede, anche se una fede piuttosto superficiale. I miracoli compiuti a Gerusalemme, invece, portano una violenta opposizione e si parla di arrestare Gesù e di metterlo a morte. Da una parte Gesù risveglia speranza e fede in alcuni, dall’altra paura, rabbia, confusione e odio in altri.

Gv registra come la gente sia confusa sull’identità di Gesù. Alcuni sostengono che sia una brava persona, mentre per altri sta allontanando la gente da Dio. Ciò che Gesù è, fa e dice non può lasciare indifferente nessuno: o lo si accetta o lo si elimina. Non possono stare insieme tenebra e luce, menzogna e verità, schiavitù e libertà, morte e vita. O c’è l’una o c’è l’altra. Esiste, tuttavia, un processo di illuminazione e di ricerca, di liberazione, quasi di gestazione: è il lento cammino della fede.

Il rischio nei confronti di Gesù è quello di giudicare secondo le apparenze: “Costui sappiamo di dov’è”. La sua umanità scandalizza chi pretende che Dio si riveli attraverso segni dall’alto. Non a caso sostengono: “Il Cristo invece, quando verrà, nessuno saprà di dove sia”. Ad screditare l’inviato di Dio (e anche gli inviati di Dio), secondo alcuni deve essere la loro origine misteriosa e comunque la loro non condivisione della carne dell’umanità.

Il discepolo, invece, è chiamato ad un giudizio giusto, che viene dal confronto delle sue parole con le sue opere. È lo scandalo irriducibile di Gesù, che Gv, fin dall’inizio, presenta come il Figlio unigenito di Dio, diventato carne per mostrare ai fratelli il volto del Padre che nessuno ha mai visto. In Gesù c’è una umanità come la nostra, che ben conosciamo. Ma nella sua umanità il Padre ha scelto di rivelare la sua gloria. La sua umanità è rimando al mistero nascosto di Dio che può capire solo chi accoglie la sua persona.

La fede si gioca proprio a proposito di quella umanità assunta dal Figlio di Dio che resta uno scandalo non rimosso. Ieri, oggi e sempre non altra è la via mediante la quale il Padre ci raggiunge. Forte è la tentazione di inseguire altre logiche. Anche la mia umanità fa scandalo, e non poche volte: eppure è attraverso di essa, e solo attraverso di essa, che si invera la mia adesione al Figlio di Dio.

A chi pretenderebbe un Messia misterioso e perciò potente, il Padre non cessa di consegnare lo scandalo di una umanità in tutto simile alla nostra, mediante la quale Egli ha scelto di passare per portare a compimento le antiche promesse.

È vero: non poche volte Dio delude. Delude perché non conferma ciò che si continua a inseguire imperterriti. Nel momento in cui ciò non accade si manifesta tutta l’inconsistenza di quanto si è scelto e assunto come stile di vita. La delusione porta necessariamente all’eliminazione di ciò o di chi ci è d’intralcio: “ci è d’incomodo… è diventato per noi una condanna dei nostri pensieri… ci è insopportabile”. Poiché la malizia acceca, non è facile e non è scontato riconoscere di aver imboccato una strada senza sbocco!

- Pubblicità -

È lo scandalo di sempre: a chi pretenderebbe la rivelazione di Dio dispiegata attraverso altri segni, la fantasia dello Spirito consegna l’umanità semplice di uomini e donne che ci edificano non per la via del potere ma per quella dell’umiltà. Dio solo sa quanto abbiamo bisogno di apprendere ancora una volta lo stile di Dio. Beati noi se non ci barricheremo nella fortezza inviolata delle nostre convinzioni e ci lasceremo destabilizzare da ciò che lo Spirito continua a suscitare per noi.


AUTORE: don Antonio SavoneFONTE CANALE YOUTUBETELEGRAM

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 1 Aprile 2022
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 1 Aprile 2022