Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 9 Luglio 2020

138

Sebbene queste parole siano rivolte ai suoi apostoli, oggi le dobbiamo sentire rivolte a tutti… tutti quelli che leggono questa pagina del vangelo si devono sentire interpellati da queste parole di Gesù.

Strada facendo. E’ l’invito a predicare, testimoniare, vivere la propria fede non in un luogo preciso, ma proprio “strada facendo”, cioè nella quotidianità… in mezzo alle relazioni che hai, anche quelle più scontate… anche quelle più distanti dal tuo modo di pensare… è proprio nella quotidianità e non in un luogo ben preciso che devi seminare la pace.

Predicare che il regno dei cieli è vicino, infatti, significa vivere sapendo che tutta la nostra vita è orientata all’eternità. E come vivresti tu sapendo che questa giornata è la tua ultima giornata? Forse daresti un senso diverso a tante altre cose…situazioni e relazioni…

“Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni”: si tratta chiaramente di essere, nella propria vita, uno strumento di pace… di accoglienza… un punto di riferimento per alleviare la sofferenza. Insomma, chi vede un cristiano, dovrebbe vedere tutto questo…
E, di fatto, ognuno di noi, nel proprio giro di relazioni, si trova accanto a sé persone che soffrono con le quali condividere la sofferenza… da consolare… da accogliere… da sostenere nel combattimento… sia questo il tuo ruolo nella loro vita.

Ecco, concretamente, oggi… anzi, proprio ora, fai un piccolo elenco di persone che hanno bisogno di te… sii tu il punto di riferimento per queste persone… sai di cosa hanno bisogno… e se anche non puoi essere la soluzione dei loro problemi… c’è sempre qualcosa che puoi fare per loro… sai come puoi aiutarle…

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso
FONTE:
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Image by blenderfan from Pixabay