Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 8 Marzo 2022

105

- Pubblicità -

Se già sa cosa gli devo chiedere… che senso ha chiederglielo?
Potrebbe essere, questa, una domanda spontanea dopo la lettura delle prime parole di Gesù nel vangelo di oggi… una domanda inquietante… quasi una domanda trabocchetto, che vuole fare emergere una contraddizione… un non senso.

E, invece, la domanda, più che lecita, sottolinea come il verso senso della preghiera non è chiedere… e neanche ottenere quello che si chiede, ma piuttosto è proprio pregare… relazionarsi con Dio.

Come a dire… a Dio interessa che parli con Lui… perché sa bene che è il modo per tenere viva questa relazione.

Ed è proprio all’interno di questa relazione che ha senso la preghiera del Padre Nostro, che diventa modello di tutte le preghiere: rivolgersi a Dio come ad un padre… riconoscere che c’è una volontà da seguire… prendere coscienza che abbiamo una missione da svolgere, ma anche che ci sono fratelli da perdonare e un nemico da non affrontare da soli!

Parla con Dio, sempre… raccontagli quello che vivi… e soprattutto… ascoltalo. Non rimarrai deluso!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

- Pubblicità -

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 8 Marzo 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 8 Marzo 2022