Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2022

93

- Pubblicità -

Il paradiso è alla portata di tutti… ha la distanza di un abbraccio, la fatica di alzare un bicchiere d’acqua… ci vuole l’impegno di una visita.

E così, l’inferno esiste… ma andarci è molto più faticoso perché occorre non vedere i bisogni dell’altro, non incrociare il suo sguardo, perché se lo si incrocia, se si guarda negli occhi un bisognoso, un assetato, un affamato… davvero è una fatica resistergli… dargli qualcosa da mangiare…

Bisogna essere davvero ciechi e col cuore chiuso, sigillato, per non fare uscire un po’ di amore, di compassione, di misericordia… per chi ne ha bisogno.

E nel caso di persone che soffrono… non tutti sono esperti del prendersi cura… ma non occorre professionalità… ci vuole presenza. Bastano poche parole… basta dire: “so che stai soffrendo, ci sono!” e hai detto tutto!

“Ci sono!” Non occorre altro! basta esserci! È già tutto!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2022