Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022

59

- Pubblicità -

Un Dio che guarda l’umiltà delle persone… la loro “bassezza”… la loro piccolezza. Di fronte a tante persone che si sentono giganti… che fanno tutto per mostrarsi più di quello che sono… di fronte a chi ostenta qualità che non possiede… Dio guarda i bassi… gli umili.

Umili che non sono i sempliciotti… e neanche quelli che “si buttano giù” o che pensano (o fanno finta di pensare) di non valere niente. 

No! 

L’umile è in perfetto contatto con la realtà… che sa chi è, quali sono le sue qualità, i suoi limiti ed è pacificato per le proprie fragilità!

L’umile è chi sa riconoscere l’azione di Dio nella propria vita e anche in quella degli altri.

L’umile è chi non entra in competizione… perché non ne ha bisogno… sa quanto vale… indipendentemente da quello che sembra, da quello che fa e da quello che è capace di fare…

Dio guarda l’umiltà di Maria… e Maria, proprio per la sua umiltà, sente sopra di sé lo sguardo amorevole di Dio… e ne canta la misericordia!

- Pubblicità -

Se ti fai più alto di quello che sei veramente, non ti accorgerai di Dio che ti vuole guardare negli occhi!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022